ROCKET Radio Forum


Anche solo per assonanza verrebbe da pensare a Deja Movie come un derivato dello show Deja Moodoo. Lo è. Lo è, però, nella misura in cui il sottoscritto necessitava semplicemente di un punto di riferimento immaginario da far coincidere con il T0, quel momento in cui non c’è niente, o quasi, e da cui si sviluppa un fenomeno che seguirà un percorso più o meno governato da regole/leggi.

Data la totale impreparazione accademica e tecnica di chi si accinge a disegnare il percorso di Deja Movie, le tappe del viaggio saranno connesse soprattutto, come in Deja Moodoo, da stimoli o sensazioni e dal desiderio di raggiungere un posto che non si conosce ancora o che si vuole conoscere più a fondo. I confini logici che il percorso deve seguire sono, per fortuna, labili; definiti più che altro dalla volontà di distogliere il pensiero da tutto quello che già si sa. In questo caso cambia il canale di comunicazione, ad ogni appuntamento verrà proposto un film, inizialmente attingendo dal repertorio legato a Deja Moodoo (l’immagine di ciascuna puntata è lo screenshot di un film), poi pescando dal repertorio emozionale di chi si è passato diverse serate sul divano a guardarsi film.

Lo spazio di Rocket Radio ospita questo nuovo progetto perché qui si è liberi di viaggiare. Deja Movie #1 è quindi il T0 del progetto, per questo è, in un certo senso, un manifesto di cosa Deja Movie vuole essere. Per questo la prima proposta è La Planète Sauvage, film di animazione francese del 1973 disegnato da Roland Topor e diretto da René Laloux. Il film è tratto da un Romanzo di fantascienza del ’57, Homo Domesticus, di Stefan Wul. Le immagini e la colonna sonora (di Alain Goraguer) di questo film portano lontano, la ricetta è un insieme di surrealismo ed ipnotismo che ci trasporta su di un pianeta in cui la realtà come la conosciamo è rimessa tutta in discussione, a partire dal ruolo dell’essere umano. Sul pianeta selvaggio i rapporti sia dimensionali che sociali sono frutto di un evento che ha deviato il corso dell’evoluzione rispetto a come lo si conosce. è un film che sfida il concetto secondo il quale il modo in cui esistiamo sia l’unico possibile, proprio dove si vorrebbe giungere con la prima tappa.


14/02 - LA figa di mao

"Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum."

Alain-Goraguer-–-La-Planète-Sauvage.jpg